venerdì, Settembre 24, 2021

Rostan (Affari Sociali) e Cappiello (Anaao): “Subito scudo penale per vaccinatori Covid”

- Advertisement -

“La responsabilità professionale dei medici e dei sanitari, da sempre al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica, mai come adesso deve trovare soluzioni per avere subito uno scudo penale per i vaccinatori contro il Covid -19″.

“I recenti fatti riportatati dalla cronaca nazionale ed estera per presunte reazioni avverse alla somministrazione del vaccino AstraZeneca, tra l’altro tutto da dimostrare, hanno gettato nello sconforto una categoria che da oltre un anno sta portando sulle proprie spalle il peso della gestione di questa emergenza pandemica”.

Lo hanno detto Michela Rostan (vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera dei Deputati) e Maurizio Cappiello (dirigente dell’Anaao-Assomed), in una nota congiunta.

“Ora la tanto attesa campagna vaccinale, vera via di soluzione al problema Covid – 19, rischia un ulteriore rallentamento, già in atto sia per problemi di approvvigionamento, sia per la sospensione temporanea del vaccino inglese”.

“Per quanto un atto dovuto della magistratura inquirente italiana – hanno aggiunto -, chi vaccina non può essere ritenuto responsabile di ipotetici effetti collaterali dovuti al vaccino, che non possono certo essere collegati alla modalità di somministrazione o al medico che sovraintende alla vaccinazione”.

“Del resto in altri paesi Europei, la responsabilità penale e praticamente assente, ma in Italia si continua a considerare il medico o l’operatore sanitario come un potenziale criminale fino a prova contraria.

Bisogna insistere sulla depenalizzazione delle condotte colpose e per la effettiva cancellazione della responsabilità contrattuale del medico e dell’operatore sanitario”.

La legge – sottolineano Rostan e Cappiello – lascia spazio ad azioni giurisprudenziali con l’iscrizione nel registro degli indagati che sono devastanti per chi esercita la professione di medico o operatore sanitario”.

“Purtroppo queste azioni nei confronti degli operatori sanitari potrebbero compromettere la stessa campagna vaccinale che passa anche attraverso la disponibilità volontaria di diverse categorie di vaccinatori, la mancanza di serenità e la paura di essere denunciati ed indagati rappresenta una criticità da risolvere subito con uno scudo penale”.

“È vero che tutti gli operatori sanitari sono chiamati ad un atto di responsabilità in questa emergenza straordinaria, ma è altrettanto vero – concludono – che devono essere messi nelle condizioni di lavorare con tranquillità e con tutte le tutele legali per adempiere nel migliore dei modi alla missione che sono chiamati a compiere”.

L’articolo Rostan (Affari Sociali) e Cappiello (Anaao): “Subito scudo penale per vaccinatori Covid” proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA

Four states and the Federal District surpass the historical average of forest fires

By João Marcelo SÃO PAULO – According to data from the National Institute for Space Research (INPE), the DF and 4 other states have already...

Eurostat: +115% di richiedenti asilo nel secondo trimestre del 2021

Di Alessio Pisanò BRUXELLES – Nel secondo trimestre 2021 ci sono stati circa 103.895 richiedenti asilo che hanno chiesto la protezione internazionale nei paesi dell'Unione...

Lo smart working piace ai veneti ma stressa una donna su due

VENEZIA – Lo smart working piace ai lavoratori veneti, ma per quasi una donna su due aumenta lo stress relativo alla conciliazione vita lavoro....

Scarcerato l’ex presidente catalano Puigdemont. “Ma dovrà restare in Sardegna”

ROMA – “Carles Puigdemont resta libero e senza misure cautelari”. Lo ha annunciato su Twitter la presidente del Parlamento catalano, Laura Borràs. La Corte...

Potrebbero interessarti anche...

Four states and the Federal District surpass the historical average of forest fires

By João Marcelo SÃO PAULO – According to data from the National Institute for Space Research (INPE), the DF and 4 other states have already...

Eurostat: +115% di richiedenti asilo nel secondo trimestre del 2021

Di Alessio Pisanò BRUXELLES – Nel secondo trimestre 2021 ci sono stati circa 103.895 richiedenti asilo che hanno chiesto la protezione internazionale nei paesi dell'Unione...

Lo smart working piace ai veneti ma stressa una donna su due

VENEZIA – Lo smart working piace ai lavoratori veneti, ma per quasi una donna su due aumenta lo stress relativo alla conciliazione vita lavoro....

Scarcerato l’ex presidente catalano Puigdemont. “Ma dovrà restare in Sardegna”

ROMA – “Carles Puigdemont resta libero e senza misure cautelari”. Lo ha annunciato su Twitter la presidente del Parlamento catalano, Laura Borràs. La Corte...