giovedì, 16 Maggio , 24

Dal Politecnico di Milano nuove ali per il convertiplano del futuro

video newsDal Politecnico di Milano nuove ali per il convertiplano del futuro

Il consorzio Formosa ha sviluppato superfici mobili più efficienti

Milano, 13 lug. (askanews) – Questo è un convertiplano, in particolare è il nuovo Aw609 di Leonardo; si tratta di un aeromobile che mette insieme le caratteristiche di decollo e atterraggio verticali, tipiche degli elicotteri con le maggiori velocità di crociera degli aeroplani, ad ala fissa.E proprio a proposito di ali, il Politecnico di Milano sta progettando per Leonardo ali innovative per la prossima generazione di convertiplani a uso civile, il cosiddetto NextGen Civil TiltRotor.Grazie al consorzio europeo Formosa (FunctiOnal aiRcraft MOveable SurfAces), nato nel 2020, infatti, è stata sviluppata una nuova soluzione per le superfici mobili dell’ala che abbassa il consumo di carburante e migliora le prestazioni durante il volo.La nuova configurazione può ridurre il carico delle scie sulle ali in modalità elicottero (-9% rispetto al progetto originale) permettendo la riduzione del consumo di carburante durante le manovre di decollo e atterraggio verticale. Sono state migliorate, inoltre, le prestazioni in rollio durante il volo in modalità aeroplano – con la riduzione del 25% del tempo necessario per raggiungere l’angolo di virata richiesto – oltre che nelle fasi di decollo corto, atterraggio e avvicinamento.Peculiarità del convertiplano sono i due rotori basculanti, alle estremità delle ali, che possono ruotare permettendo al velivolo di “trasformarsi” da elicottero ad aereo e viceversa.Il NextGen Civil TiltRotor è un dimostratore tecnologico progettato da Leonardo nell’ambito del programma europeo Clean Sky 2 e nato per soddisfare, tra l’altro, le crescenti esigenze di mobilità aerea in aree urbane densamente popolate, offrendo l’opportunità di decollare e atterrare in verticale come un elicottero, assieme alle alte velocità e la capacità di coprire grandi distanze tipica degli aeroplani, caratteristiche che rendono questo tipo di velivolo particolarmente adatto anche a compiti di soccorso aereo e protezione civile.Il consorzio Formosa è costituito da un gruppo di giovani ricercatori del Politecnico di Milano e da un team di ingegneri della ditta portoghese CEiiA (Centre of Engineering and Product Development), mentre il progetto è coordinato da Vincenzo Muscarello e finanziato dal programma Clean Sky 2 (partnership tra la Commissione Europea e l’industria aeronautica europea) che ha fra gli obiettivi quello di realizzare velivoli di nuova generazione meno inquinanti.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles