domenica, Ottobre 17, 2021

Afghanistan, Hasnain (Unire): “Diamo un futuro a chi è in Italia”

- Advertisement -

ROMA – “Vivevo nell’Helmand, Afghanistan del sud. A 10 anni sono scappato, ora dò voce ai profughi qui in Italia”. Esordisce così Syed Hasnain, cofondatore dell’Unione nazionale italiana per rifugiati ed esuli (Unire). Contattato dall’agenzia Dire, è intervenuto a The Last 20, il cosiddetto “G20” dei Paesi più poveri del mondo, partito ad agosto da Reggio Calabria e arrivato ieri per quattro giorni a Milano.

Tra i Paesi “più impoveriti”, come recita la locandina dell’evento, c’è anche l’Afghanistan e Syed è lì per trasmettere la sofferenza di chi è rimasto: “Già durante la tappa in Calabria, quando i talebani non erano ancora al potere, avevamo lanciato l’allarme”. Ora, aggiunge, “non se ne parla già più”.Lui è arrivato qui nel 2017. Il suo Paese l’ha lasciato anni fa grazie a sua madre, che l’ha salvato dai fratellastri che lo volevano arruolare nella militanza talebana: “prima sono andato in Pakistan, dopo 4 anni in Iran, poi Turchia, Grecia e infine in Italia, nascosto sotto un tir partito da Patrasso”.Ora ha 32 anni e il suo obiettivo è “sensibilizzare, far parlare le persone rimaste in Afghanistan, aiutarle”.Insieme al cambiamento climatico, il tema principale di The Last 20 è la salute globale. L’accesso alle cure nei Paesi più poveri è spesso un miraggio. In Afghanistan, dopo l’esodo di questi mesi, “sono partiti tanti medici e funzionari”. “Il diritto alla salute è fondamentale- ha ricordato il responsabile di Unire- e in Afghanistan il Covid-19, come anche la poliomelite, non è sparito. Manca il vaccino, come tante medicine. Nelle zone remote, le donne che devono partorire non trovano assistenza”.Per Syed è fondamentale l’aiuto della comunità internazionale: “le agenzie delle Nazioni Unite devono portare cibo e medicinali, le Ong sul territorio devono continuare a fare pressione sul regime”.

Anche perché in Afghanistan, oggi, di alternative ce ne sono poche. Lasciare il Paese è ancora complicato, entrare negli Stati limitrofi pure. “Mio suocero-racconta ancora Syed Hasnain- ha dovuto pagare i miliziani, ma non è bastato. È stato respinto all’ultimo checkpoint, quello di Kandahar, al confine con il Pakistan. Poi ha trattato di nuovo con i trafficanti ed è riuscito a entrare nel Paese”.Per Syed i talebani non sono cambiati, “semmai si sono fatti furbi”. Più attenti all’immagine, forse? “Stanno provando a fregare la comunità internazionale” precisa l’attivista. “A nord-est, nella provincia di Baghlan, maestre coperte con il burqa integrale hanno fatto una manifestazione pro-regime. In realtà, quelle non erano loro sostenitrici, ma donne senza diritti costrette a seguire degli ordini”.

Nonostante le difficoltà, qualcuno è riuscito a fuggire. Quelli arrivati in Italia sono “fortunati”, dice Syed: “non hanno viaggiato su camion e barconi, ma hanno comunque dovuto lasciarsi tutto alle spalle”. Sono 4.000 gli afghani nel nostro Paese. Come vanno aiutati, chiediamo: “Sono persone colte, devono avere le stesse opportunità degli italiani, ma i loro titoli di studio e professionali qui non sono riconosciuti”.Spesso, come fondatore di Unire, Hasnain viene contattato dai profughi appena arrivati in Italia: “l’altro giorno una donna afghana, che faceva il medico a Herat, mi ha chiesto dove poteva lavorare, le ho dovuto spiegare che non è così facile”.

Secondo il responsabile di Unire, è tanto il lavoro da fare sul territorio, per questo l’associazione sta collaborando con le istituzioni italiane per un nuovo piano di integrazione nazionale: “siamo in contatto con vari ministeri anche perché- conclude Syed- come si può pensare di accogliere senza ascoltare chi ha vissuto questa esperienza sulla propria pelle?”.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Afghanistan, Hasnain (Unire): “Diamo un futuro a chi è in Italia” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA

Landini in pressing sul Governo: “Subito un dl antifascista”

ROMA – Per una volta Maurizio Landini lascia nel cassetto la celebre maglietta bianca. Nella piazza san Giovanni gremita, e accomunata dall'appello ‘Mai più...

Barillari: “Ci hanno obbligato a uscire dalla Regione Lazio. Chiedo asilo politico alla Svezia”

ROMA – “Ci hanno obbligato ad uscire perché, guarda caso, hanno scovato proprio ieri un dipendente regionale vaccinato con green pass positivo al Covid,...

Commercialisti, De Lise (Ungdcec): si apre nuovo scenario, subito un commissario

ROMA – “L'ultima pronuncia del Tar sulla questione elezioni dei commercialisti apre un nuovo scenario. Nell'ultimo anno e mezzo abbiamo perso, come categoria, ogni...

Papa Francesco: “Le case farmaceutiche liberalizzino i brevetti dei vaccini anti-Covid”

ROMA – “Ai grandi laboratori, che liberalizzino i brevetti. Compiano un gesto di umanità e permettano che ogni essere umano abbia accesso al vaccino”....

Potrebbero interessarti anche...

Landini in pressing sul Governo: “Subito un dl antifascista”

ROMA – Per una volta Maurizio Landini lascia nel cassetto la celebre maglietta bianca. Nella piazza san Giovanni gremita, e accomunata dall'appello ‘Mai più...

Barillari: “Ci hanno obbligato a uscire dalla Regione Lazio. Chiedo asilo politico alla Svezia”

ROMA – “Ci hanno obbligato ad uscire perché, guarda caso, hanno scovato proprio ieri un dipendente regionale vaccinato con green pass positivo al Covid,...

Commercialisti, De Lise (Ungdcec): si apre nuovo scenario, subito un commissario

ROMA – “L'ultima pronuncia del Tar sulla questione elezioni dei commercialisti apre un nuovo scenario. Nell'ultimo anno e mezzo abbiamo perso, come categoria, ogni...

Papa Francesco: “Le case farmaceutiche liberalizzino i brevetti dei vaccini anti-Covid”

ROMA – “Ai grandi laboratori, che liberalizzino i brevetti. Compiano un gesto di umanità e permettano che ogni essere umano abbia accesso al vaccino”....